Seleziona una pagina

Camionisti e trattorie, Chef Rubio a Sarzana

 

Il Bambi è gestito dalle sorelle Amanda e Arianna Cargiolli: «Il nome è dedicato alla nave a bordo della quale aveva a lungo navigato nostro padre – hanno raccontato a Rubio – Con lo stesso spirito accogliamo i camionisti che, stando per molto tempo lontano dalle loro famiglie, hanno bisogno di sentirsi a casa». Chef Rubio ha apprezzato tantissimo i ravioli: «Forse i più buoni che ho mai mangiato», ha esclamato. Ma, alla fine, gli è toccato pagare.

Siamo in Liguria

 

 Tappa al ristorante “Bambi” della Variante per il popolare cuoco che è stato

accompagnato da Stefano Tognoni.

Camionisti e trattorie, Chef Rubio a Sarzana


Sarzana – Val di Magra – Puntata tutta ligure per il programma di Chef Rubio “Camionisti in trattoria” in onda su Dmax con i migliori locali regionali consigliati dagli stessi autisti. Dopo Savona e Genova, Rubio ha fatto tappa anche nella nostra provincia e più precisamente a Sarzana, dove ha pranzato al ristorante “Bambi” della Variante “scortato” da Stefano Tognoni, definito “il più ligure di tutti i camionisti liguri”.

Per il cuoco e personaggio televisivo è stata l’occasione per confrontarsi sia con i piatti tipici della nostra tradizione come tordei, muscoli ripieni, sgabei e lardo, che con “il mugugnatore professionista” Tognoni, titolare fra l’altro con la moglie e i figli della nota pizzeria “da Silvio” nel centro storico.

“Per fare il camionista ci vuole la passione altrimenti non esci nemmeno dal parcheggio – ha raccontato Stefano guidando con Rubio verso il ristorante – è una passione che hai nel sangue, io ho iniziato a 18 anni e da piccolino ho sempre giocato con i camioncini. Ho sempre lavorato e mi sono sempre goduto la vita girando l’Europa a bordo delle mie moto. Il Bambi? È una trattoria tradizionale da sempre meta dei camionisti”.

Le telecamere del canale tematico sono così entrate anche all’interno del locale gestito dalle sorelle Amanda e Arianna Cargiolli che hanno accolto lo speciale cliente proponendo il meglio della cucina. “Il nome è dedicato alla nave a bordo della quale aveva a lungo navigato nostro padre – hanno raccontato – e con lo stesso spirito accogliamo i camionisti che stando spesso lontano dalle loro famiglie hanno bisogno di sentirsi a casa”.

E come prevedibile oltre all’ironia tipicamente ligure di Tognoni Chef Rubio ha apprezzato anche i piatti di quello che ha definito “Il punto di contatto fra mare e asfalto, rifugio di marinai e camionisti”.